mostra fotografica presso l’Osteria del Ponte

OSTERIA DEL PONTE

“Osteria” è il termine scelto apposta per connotare questo locale. La parola trasmette subito che qui si fa “cucina di casa” come la facevano le mamme e le nonne nei bei tempi andati. Tiziano e la sua famiglia si occupano da anni di gastronomia , curando in special modo la tipicità e la qualità dei prodotti usati in cucina. Nella nostra zona è possibile rifornirsi di materie prime di eccellenza, la tradizione gastronomica è ricca di gusti forti e antichi. In questo nuovo locale si possono apprezzare queste tradizioni insieme all’accoglienza cordiale, al servizio semplice e curato e nella piacevolezza dell’ambiente. Gli 80 posti all’interno sono distribuiti in salette accoglienti ed eleganti, ricavate dalla ristrutturazione del pianterreno di un antico palazzo del centro storico. Nella bella stagione un delizioso giardino interno offre altri 50 posti nell’atmosfera caratteristica di un patio siciliano. Qui si possono organizzare anche banchetti e cerimonie, o semplicemente gustare i nostri tipici menu di cucina del territorio o le deliziose pizze cotte nel forno a legna (d’estate vengono preparate anche a pranzo).

(tratto da osteriadelpontescicli.com)

Da venerdì 6 aprile 2012 e fino a domenica 15 aprile l’Osteria ospiterà la mostra fotografica relativa al libro.

Visitatela, godetevela… e poi buon appetito!

Pubblicato in comunicati | Lascia un commento

presentazione libro e mostra fotografica

Il Movimento Culturale Brancati Scicli
presenta

“U Gioia. Pasqua a Scicli”
Libro fotografico, installazioni e mostra fotografica di Andrea Scarfò

INTERVERRANNO
Giuseppe Pitrolo, autore della presentazione del libro
Gianni Mania, fotografo di Scicli

Domenica 24 luglio, ore 21.00
c/o Movimento Culturale Brancati Scicli
via Mormino Penna, Scicli

Sarà presente l’autore
La mostra resterà nei locali del Movimento Culturale Brancati fino al 31 luglio

locandina presentazione libro "U Gioia. Pasqua a Scicli"

Pubblicato in comunicati | Lascia un commento

Symbols and rites of a renewing tradition

by Chiara Carpinteri

Individuals reproduce and reaffirm their individual as collective identity through parties, summering the ideological values that substantiate it and repeating the ceremonial practices that display it.
Buttitta from an anthropological point of view underlines how, until today, it is possible to notice ceremonial behaviours that seamed to have been definitely consigned to the past, together with the traditional forms of production and their relative social structures. Fortunately, traditional folk culture is today still so alive and firmly rooted: different are the ways it shows out, for example “dances and racings of the Saints are today still visible in Sicily in some festivities as in some cyclical ceremonies, as for those of the Holy Week”.
Among these, the “Gioia” festivity in Scicli, also called “Omu Vivu” (Alive Man), celebrating the Holy Saturday and the Easter Day and characterized by very particular behaviours. The celebrative modalities of Scicli’s rite have undergone significant changes in the last century. The procession of the “Omu Vivu” was for long time a ceremony only for men (therefore called “Festa di l’omini”, that is “party of men”) and especially for the vuccèri, sellers of meat and butchers. “These were convinced that, while holding up the Risen Christ, a particular state of grace, granted by heaven, wrapped them in a sort of magical cloud and dispensed them from any religious duty or any duty of public policy”.
The festivity of the “Alive Man”, Angelo Aprile writes, is made with joyful pride due to the great victory of the population on Muslims in 1091 – when the Madonna appeared, dressed as a warrior on a horse, to save Scicli – and for this reason in this day the women stopped and stop carrying mourning signs on their dresses, the men were and are jubilant, throwing up in the air their berets; all this continues to happen with unusual folklore, typical of the place. This extraordinary event involves children, women, men – workers: an army of curious, humble, pious and sufferings, who immediately raise the “Alive Man” to their King.
Buttitta writes:

“run and dance regenerate space and time; there’s no doubt, for example, that the circular movement printed to the statue of the “Gioia” recalls the circle of time, the wheel of life that needs to get underway. The ideal and real centre of the rounds, the rotary motion is the Saint’s simulacrum: never as in this case its value as founder and protector of the community is more explicit”.

There is no dance without music: the bringers of the “Gioia” are followed by the Busacca band, so called by the Scicli’s benefactor, Pietro de Lorenzo Busacca. Buttitta highlights how body rituals need rhythmic sounds in order to express themselves; and on this inseparable union the ceremonial process bases its scans and through it gives an order and a unique sense to the apparently disorder of the party participants. The only apparently uncontrolled, but actually codified by tradition, movements within the run of the “Gioia” are expression of vital energy. Not by chance, traditionally the young single boys, full of unexpressed energies, are those that run and dance on the roads of the village. Altered by the effort of continuous evolution, clouded by wine and noise, exited by the pain of pushing and squashing, they seam to lightly touch ecstatic states, disperse as individuals in a sense of total participation “to the events that rule the world”.
Wherever it takes place, the run and dance of the Saint has youngsters as protagonists and it is full of ritual symbols referring to regeneration and fertility of nature, to the cyclic re-foundation of the cosmos.

Pubblicato in fotografie e parole | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

And the (alive) man becomes God “’U Gioia” of Scicli

by Giuseppe Pitrolo

“In the resounding joy of the faithful for the Risen Christ.
in the simulacrum of that shiny naked body thrown in the air,
swirled within the church of Scicli,
we can read the eternal story of rebirth, of joy, of the Gioia,
fleeing every mourning, every sorrow, every darkness of man’s frigid winter”
Vincenzo Consolo

This is what Consolo wrote about the Risen Christ of Scicli.
The “Gioia” of Scicli is a party continuously changing and however remaining faithful to itself, always different and always the same, perpetually surprising and fascinating: we have better understood the motives of its charm thanks to the photos of Andrea Scarfò.
Movement, unpredictability, the becoming, transformation are the main characteristic of Gioia: in one word life. And “life is beautiful” because it blends death and life, tears and laughers,  pain and joy…Scarfò approaches to “Gioia” through the baroque “metamorphism” (Getto) of Shakespeare and Eliot, through the “carnival” of Bachtin: his look on it is displacing because he reverses roles. As for the “scandal” of  Christianity, in which the oxymoron “and God became flesh” is effected: already Auerbach noticed that with Christianity the up becomes down, realizing in art the “mixture of styles”. Calaciura notices how with “Gioia” the inhabitants of Scicli “are informal with God”.
With Christ’s death “the veil of time was torn” and there was an earthquake: Scicli is a strong small town, risen more beautiful after the earthquake of 1693: a town continuously in progress, and in which the past is enhanced through Baroque, UNESCO, folk traditions, and, at the same time,  actuality is glorified through the Group of Scicli and the fiction “Montalbano”: life goes on, at Scicli: our town has never stopped: our town runs and never gets tired. And in Gioia we can find the same strength, which is the same explosive energy of its bringers: because light wins on mourning, life on death, “orior” on “m-orior” (G. Dormiente).
And even the photos of Scarfò are full of life, rage, taken to displace: the magmatic chaos of the party is highlighted by the shots: Scarfò wanted to realize something with the energy and hope typical of this party; therefore he used a colourful and extreme language, because the viewer of “U Gioia” knows that he can become an actor whenever he wants, transporting the statue and transported by it. This is way the stylistic choice of the photos aims to enhance the close-ups and the controlled blurred, and to “hit”.
Bufalino defines Sicily with the words “light and mourning”: but western Sicily and eastern Sicily have different ways of “mourning” and “celebrating”, with the prevalence of light on mourning in the Ionic Sicily (as for other Spring Parties of Scicli: the dionysiac The Ride of Saint Joseph and the displacing Madonna on the houseback). Therefore, Scarfò has chosen the evidence of the unseen, so that the island is not only a grave, but also a womb. The floating of the Gioia corresponds to the alternation of death and life: the photos give the impression of the “baroque waving” : it seems as if the big masks have come to the square of Scicli, in the form of men and bringers.
The Gioia creates an alchemy blending humanity with divine, sublime with the chaos of flesh and blood, trying to break the limits of reality.
“Light and mourning”, of course, but our mourning is full of light, Mediterranean, Greek. Christ is excess and exception: that is way he can put us in difficulty, because each Man can be God. As Vinicio Capossela sings:

“He has left the shroud and the ordeal
he has left the cross and the sorrow
He has lifted off sleep from himself and now and forever forever he will be with us
If the Eternal Father had abandoned him
now the villagers have stared after him
What a big party being able to embrace him
What a great party taking him to eat (…)
He is crazy with joy, he is an alive man ..”.

Pubblicato in fotografie e parole | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Simboli e riti di una tradizione che si rinnova

di Chiara Carpinteri

È attraverso le feste che gli individui riproducono e riaffermano la propria identità, tanto individuale quanto collettiva, nella ricapitolazione dei valori ideologici che la sostanziano e nella ripetizione delle pratiche cerimoniali che la ostentano.
Da un punto di vista antropologico, sottolinea Ignazio Buttitta, ancora oggi sono visibili comportamenti cerimoniali che sembravano essere stati definitivamente consegnati al passato insieme alle forme della produzione tradizionale e alle strutture sociali a esse connesse. La cultura popolare tradizionale è così fortunatamente presente ancora oggi e saldamente radicata: diverse le forme attraverso cui si manifesta, “danze e corse di santi ad esempio sono attualmente osservabili in Sicilia tanto in alcune feste patronali quanto all’interno di alcune cerimonie cicliche, quali ad esempio quelle della Settimana Santa”.
Una di queste è a Scicli la festa del “Gioia” o “Omu Vivu” celebrata il Sabato e la Domenica di Pasqua, le cui cerimonie sono caratterizzate da comportamenti decisamente particolari. Le modalità celebrative del rito di Scicli hanno subìto significative modifiche nel corso dell’ultimo secolo. La processione dell’“Omu Vivu” fu per lungo tempo una cerimonia riservata quasi esclusivamente alla popolazione maschile (e pertanto chiamata “festa di l’omini”) e in particolare ai vuccèri, venditori di carni e addetti alla macellazione. “Costoro erano convinti che nei momenti in cui sorreggevano il Cristo Risorto, un particolare stato di grazia concesso dal cielo li avvolgesse in una sorta di nube magica e li esentasse da qualunque dovere sia religioso che di ordine pubblico”.
La festa dell’“Uomo vivo”, scrive Angelo Aprile, viene fatta con lieta fierezza per una grande vittoria riportata dalla popolazione sui Musulmani nel 1091 – quando apparve la Madonna in veste di guerriera e a cavallo a salvare Scicli – e in questo giorno perciò le donne smettevano e smettono di portare eventuali segni di lutto nel loro abbigliamento, gli uomini esultavano ed esultano buttando per aria i loro berretti; tutto ciò continua ad accadere con un insolito folklore, tipico del luogo. Questo straordinario avvenimento fa accorrere turbe di bambini, di donne, di uomini-operai: un esercito di curiosi, di umili, di devoti e di sofferenti che eleva subito l’“Uomo vivo” a proprio Re.
Scrive Buttitta:

“correre e danzare rigenerano lo spazio e il tempo; non c’è dubbio, per esempio, che il movimento circolare impresso alla statua del “Gioia” o i percorsi in tondo da essa compiuti, rinviano al cerchio del tempo, alla ruota vitale che ogni anno deve essere rimessa in movimento. Il centro ideale e reale dei giri, il movimento rotatorio è il simulacro del Santo: mai come in questo caso il suo valore di fondatore e protettore della comunità è reso più esplicito”.

Non c’è danza senza musica: ad accompagnare i portatori del “Gioia” è la banda Busacca, che prende il nome dal benefattore di Scicli Pietro de Lorenzo Busacca. Sottolinea Buttitta, la ritualità corporea ha bisogno della sonorità ritmica per esprimersi; sono una realtà indissociabile sulla quale l’iter cerimoniale fonda le sue scansioni e mediante esse conferisce ordine e restituisce senso unitario all’apparente disordine dell’essere festivo dei suoi partecipanti. I movimenti, solo apparentemente incontrollati e in realtà codificati dalla tradizione, che accompagnano la corsa del “Gioia” sono espressione di energia vitale. Non a caso sono tradizionalmente i giovani maschi non coniugati, carichi di energie non altrimenti espresse, a correre e ballare per le strade dell’abitato. Essi, stravolti dalla fatica delle continue evoluzioni, obnubilati dal vino e dal chiasso, esaltati dal dolore di spinte e pestoni, sembrano sfiorare stati estatici disperdendo la loro individualità in un senso di partecipazione totale “agli eventi che governano il mondo”.
Ovunque abbia luogo, la danza o la corsa del Santo ha per protagonisti i giovani ed è accompagnata da simboli rituali che fanno evidente riferimento alla rigenerazione e alla fertilità della natura, alla ciclica rifondazione del cosmo.

Pubblicato in fotografie e parole | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

E l’uomo (vivo) si fece Dio “‘U Ggioia” di Scicli

di Giuseppe Pitrolo

“Nella gioia clamorosa dei fedeli per il Cristo Risorto,
nel simulacro di quel nudo corpo splendente che viene lanciato in alto,
 viene fatto vorticare dentro la chiesa di Scicli,
possiamo leggere l’eterna vicenda della rinascita, della gioia, del Gioia,
che fuga ogni lutto, ogni pena, ogni buio del frigido inverno dell’uomo”
Vincenzo Consolo

Scrive così Consolo a proposito del Cristo Risorto di Scicli.
Il “Gioia” di Scicli è una festa che muta continuamente restando fedele a se stessa, sempre diversa e sempre uguale, perpetuamente sorprendente ed affascinante: abbiamo capito meglio i motivi del suo fascino grazie alle foto e all’occhio straniato di Andrea Scarfò.
La caratteristica del Gioia è il movimento, l’imprevedibilità, il divenire, la trasformazione: la vita. E “la vita è bella” perché mescola morte e esistenza, lacrime e risate, dolore e gioia… Scarfò si avvicina al “Gioia” tramite il “metamorfismo” barocco (Getto) di Shakespeare ed Eliot, tramite il “carnevalesco” di Bachtin: la sua lettura spiazza perché i ruoli sono rovesciati. Così come avviene con lo “scandalo” del Cristianesimo, in cui si attua l’ossimoro “e Dio si fece carne”: già Erich Auerbach notava che col Cristianesimo l’alto si fa basso, producendo in arte la “mescolanza degli stili”. Calaciura osserva che con il “Gioia” gli sciclitani “danno del tu a Dio”.
Alla morte di Cristo “il velo del tempio si squarciò” e ci fu un terremoto: Scicli è una cittadina forte, risorta più bella dopo il terremoto del 1693: una città in perpetuo divenire, in cui si valorizza il passato col Barocco, l’UNESCO, le tradizioni popolari, e allo stesso tempo si esalta la contemporaneità col Gruppo di Scicli e la fiction “Montalbano”: la vita va avanti, a Scicli: non siamo un paese che si è fermato: siamo una cittadina che corre e non si stanca. E nel Gioia troviamo la stessa forza, che è anche l’esplosiva energia dei suoi portatori: perché la luce  vince sul lutto, la vita sulla morte, l’ “orior” sul “m-orior” (G. Dormiente).
E anche le foto di Scarfò sono piene di vitalità, furia, fatte per spiazzare: la caoticità magmatica della festa viene definita dagli scatti: Scarfò ha voluto realizzare qualcosa che abbia la stessa carica, energia e speranza della festa: quindi ha adottato un linguaggio acceso ed eccessivo, perché lo spettatore di ‘U Gioia’ sa che quando vorrà potrà diventare attore, trasportando la statua e da essa facendosi trasportare. Per questo la scelta stilistica delle foto tende ad esaltare i primi piani, il mosso controllato, e a “colpire”.
Bufalino parlava di “luce e lutto” per definire la Sicilia: ma la Sicilia occidentale e quella orientale hanno modi diversi di “lutteggiare” e festeggiare, con la prevalenza nella Sicilia ionica della luce sul lutto (si pensi solo alle altre Feste di Primavera sciclitane: la dionisiaca Cavalcata di San Giuseppe e la spiazzante Madonna a cavallo): Scarfò ha perciò scelto l’evidenza dell’invisibile, affinché l’isola non sia solo sepolcro, ma grembo. Il fluttuare del Gioia corrisponde all’alternarsi di morte e vita: le foto rendono il senso del “barocco che ondeggia”: sembra che i mascheroni siano scesi nella piazza di Scicli, facendosi uomini e portatori.
Col Gioia si crea un’alchimia che mescola l’umano col divino, il sublime con il caos della carne e del sangue, tendendo a superare il dato reale.
“Luce e lutto”, certo, ma il nostro “lutto” è pieno di “luce”, mediterraneo, greco. Cristo è eccesso ed eccezione: per questo ci mette in crisi, perché ogni uomo può essere Dio.

Come canta Capossela:

“Ha lasciato il calvario e il sudario
Ha lasciato la croce e la pena
Si è levato il sonno di dosso e adesso per sempre per sempre è con noi
Se il Padre eterno l’aveva abbandonato
Ora i paesani se l’hanno accompagnato
Che grande festa poterselo abbracciare
Che grande festa portarselo a mangiare (…)
E’ pazzo di gioia, è un uomo vivo…”

Pubblicato in fotografie e parole | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

ragusanews

RAGUSAnews
Anche Ragusanews scrive del libro fotografico “u Gioia. Pasqua a Scicli” pubblicando la presentazione dello stesso, firmata da Giuseppe Pitrolo.

Pubblicato in rassegna stampa | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

ilgiornalediscicli

Il quindicinale “il Giornale di Scicli” ha voluto dedicare al libro la copertina e un articolo.

Pubblicato in rassegna stampa | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

libro fotografico “u Gioia. Pasqua a Scicli”

E’ uscito il libro fotografico “u Gioia. Pasqua a Scicli” di Andrea Scarfò, edito per la Città del Sole Edizioni.

copertina libro fotografico U GIOIA. pasqua a scicli

Può uno scatto rendere tutta la vitalità, l’energia caotica ed avvolgente del folkore?
Andrea Scarfò immortala la festa del “Gioia” di Scicli, città della provincia di Ragusa, celebrata il sabato e la domenica di Pasqua. E lo fa con lo stesso linguaggio acceso ed eccessivo della cultura popolare tradizionale, fatto di quelle feste con cui gli individui, in ogni parte del mondo, affermano la propria identità. Dettagli, primi piani, l’uso del ‘mosso controllato’: ecco che prendono vita i volti addolorati della processione del venerdì Santo, le immancabili bancarelle, i fedeli in preghiera, la tensione oltre il sudore dei portatori di vara. Per ogni fotografia un titolo, che aiuta e conduce l’occhio a non lasciarsi scappare ciò che altrimenti rimarrebbe sullo sfondo.

Andrea Scarfò è un fotografo freelance interessato soprattutto in reportage sociali e ambientali.
Si interessa anche di fotografia naturalistica, urbana, teatrale e turistica.
Inoltre sta anche facendo un personalissimo percorso di macrofotografia astratta dal mondo della natura.
Lavora con alcune riviste ed agenzie fotogiornalistiche italiane.
Ha fatto anche diverse mostre.

La Città del Sole Edizioni è l’editore ufficiale della Fondazione Italo Falcomatà, per conto della quale sta curando la redazione e la pubblicazione delle opere del sindaco scomparso, e del Premio plurinazionale e multimediale di poesia Nosside e Nosside Caribe con la pubblicazione dei relativi annuari e delle antologie, in coedizione con la casa editrice Editorial Letras Cubanas La Habana di Cuba.
I periodici editi sono laltrareggio , mensile politico-culturale giunto al 15° anno di vita, e laltrareggina periodico quindicinale di satira sportiva, vero e proprio boom editoriale, diffuso in 5.000 copie già da 8 anni.

La casa editrice si caratterizza dunque, sia per l’ampio spazio dedicato alle opere più diverse che vanno dalla poesia, alla narrativa, alla saggistica, sia per la cura meticolosa che offre nelle varie fasi che precedono e seguono la pubblicazione; si occupa, infatti, della stesura del manoscritto, di tutta la fase di pre-stampa, fino alla messa in stampa ed alla rilegatura. Cura infine la presentazione dell’opera al pubblico ed alla stampa ed inoltre, previo consenso dell’autore, si offre di segnalare le opere ai vari premi letterari.

Pubblicato in comunicati | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento