E l’uomo (vivo) si fece Dio “‘U Ggioia” di Scicli

di Giuseppe Pitrolo

“Nella gioia clamorosa dei fedeli per il Cristo Risorto,
nel simulacro di quel nudo corpo splendente che viene lanciato in alto,
 viene fatto vorticare dentro la chiesa di Scicli,
possiamo leggere l’eterna vicenda della rinascita, della gioia, del Gioia,
che fuga ogni lutto, ogni pena, ogni buio del frigido inverno dell’uomo”
Vincenzo Consolo

Scrive così Consolo a proposito del Cristo Risorto di Scicli.
Il “Gioia” di Scicli è una festa che muta continuamente restando fedele a se stessa, sempre diversa e sempre uguale, perpetuamente sorprendente ed affascinante: abbiamo capito meglio i motivi del suo fascino grazie alle foto e all’occhio straniato di Andrea Scarfò.
La caratteristica del Gioia è il movimento, l’imprevedibilità, il divenire, la trasformazione: la vita. E “la vita è bella” perché mescola morte e esistenza, lacrime e risate, dolore e gioia… Scarfò si avvicina al “Gioia” tramite il “metamorfismo” barocco (Getto) di Shakespeare ed Eliot, tramite il “carnevalesco” di Bachtin: la sua lettura spiazza perché i ruoli sono rovesciati. Così come avviene con lo “scandalo” del Cristianesimo, in cui si attua l’ossimoro “e Dio si fece carne”: già Erich Auerbach notava che col Cristianesimo l’alto si fa basso, producendo in arte la “mescolanza degli stili”. Calaciura osserva che con il “Gioia” gli sciclitani “danno del tu a Dio”.
Alla morte di Cristo “il velo del tempio si squarciò” e ci fu un terremoto: Scicli è una cittadina forte, risorta più bella dopo il terremoto del 1693: una città in perpetuo divenire, in cui si valorizza il passato col Barocco, l’UNESCO, le tradizioni popolari, e allo stesso tempo si esalta la contemporaneità col Gruppo di Scicli e la fiction “Montalbano”: la vita va avanti, a Scicli: non siamo un paese che si è fermato: siamo una cittadina che corre e non si stanca. E nel Gioia troviamo la stessa forza, che è anche l’esplosiva energia dei suoi portatori: perché la luce  vince sul lutto, la vita sulla morte, l’ “orior” sul “m-orior” (G. Dormiente).
E anche le foto di Scarfò sono piene di vitalità, furia, fatte per spiazzare: la caoticità magmatica della festa viene definita dagli scatti: Scarfò ha voluto realizzare qualcosa che abbia la stessa carica, energia e speranza della festa: quindi ha adottato un linguaggio acceso ed eccessivo, perché lo spettatore di ‘U Gioia’ sa che quando vorrà potrà diventare attore, trasportando la statua e da essa facendosi trasportare. Per questo la scelta stilistica delle foto tende ad esaltare i primi piani, il mosso controllato, e a “colpire”.
Bufalino parlava di “luce e lutto” per definire la Sicilia: ma la Sicilia occidentale e quella orientale hanno modi diversi di “lutteggiare” e festeggiare, con la prevalenza nella Sicilia ionica della luce sul lutto (si pensi solo alle altre Feste di Primavera sciclitane: la dionisiaca Cavalcata di San Giuseppe e la spiazzante Madonna a cavallo): Scarfò ha perciò scelto l’evidenza dell’invisibile, affinché l’isola non sia solo sepolcro, ma grembo. Il fluttuare del Gioia corrisponde all’alternarsi di morte e vita: le foto rendono il senso del “barocco che ondeggia”: sembra che i mascheroni siano scesi nella piazza di Scicli, facendosi uomini e portatori.
Col Gioia si crea un’alchimia che mescola l’umano col divino, il sublime con il caos della carne e del sangue, tendendo a superare il dato reale.
“Luce e lutto”, certo, ma il nostro “lutto” è pieno di “luce”, mediterraneo, greco. Cristo è eccesso ed eccezione: per questo ci mette in crisi, perché ogni uomo può essere Dio.

Come canta Capossela:

“Ha lasciato il calvario e il sudario
Ha lasciato la croce e la pena
Si è levato il sonno di dosso e adesso per sempre per sempre è con noi
Se il Padre eterno l’aveva abbandonato
Ora i paesani se l’hanno accompagnato
Che grande festa poterselo abbracciare
Che grande festa portarselo a mangiare (…)
E’ pazzo di gioia, è un uomo vivo…”

About Andrea Scarfò

Mi divido quotidianamente tra la scienza del codice e l'umanistica delle immagini. Amo il web dove creo con Wordpress, Gantry Framework e CSS. Fotografo con gli occhi, leggo con il cuore e progetto con la testa.
Questa voce è stata pubblicata in fotografie e parole e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...